Lettera aperta al presidente venezuelano Nicolás Maduro dalla nipote di Benito Mussolini

Lettera aperta al presidente venezuelano Nicolás Maduro dalla nipote di Benito Mussolini

 

Mi chiamo Martina Mussolini e mio nonno, Vittorio, era il figlio di Benito Mussolini, uno dei fondatori del sistema fascista che, ultimamente, lei usa a sproposito. Le scrivo dall’Italia dove risiedo da oltre vent’anni, le scrivo poiché nonostante io non sia nata in Venezuela, ho avuto la fortuna di trascorrere in quel meraviglioso paese la mia adolescenza e in questo momento difficile il mio cuore e i miei sentimenti sono con i miei fratelli venezuelani.

Ho dovuto lasciare il paese perché già allora non c’era nessun futuro per me e mi dispiace dover dire ogni volta ai miei figli che non li porterò nei luoghi della mia giovinezza poiché è uno stato troppo pericoloso, dove non c’è rispetto per la vita e coloro che dovrebbero garantire la giustizia, spesso, sono i primi a violarla.

Il grande statista che è stato il mio bisnonno, Benito Mussolini, ha lottato, amato e sofferto per il suo popolo e al momento della sua morte, quando è stato appeso per i piedi a piazzale Loreto, dalle sue tasche non è caduta nemmeno una lira!

Lei addita come fascisti degli studenti che manifestano perché nel loro paese non c’è sicurezza, mancano gli articoli di prima necessità, scarseggiano i medicinali e le possibilità di vivere una vita dignitosa sono inesistenti, dovuto alla corruzione, alla svalutazione della moneta e all’inflazione che hanno preso il sopravvento. Un paese censurato, senza libertà di espressione dove gli oppositori sono incarcerati ingiustamente.

Mi lasci dire, presidente, che a quegli studenti, a quei medici, a quelle mamme, a quelle nonne, a quei commercianti, a quei lavoratori, a tutto quel meraviglioso popolo non interessano le ideologie… Hanno fame! Sono stanchi di fare interminabili file per poter acquistare farina, latte, olio o caffè.

Desiderano poter studiare, lavorare, ricevere adeguate cure mediche e vivere nella loro terra, senza dover andar all’estero per vedersi garantito un futuro migliore. NON SONO FASCISTI

La maggior parte di costoro non riesce a capacitarsi della propria condizione di estrema povertà nonostante abiti in un paese con enormi potenzialità economiche e illimitate risorse naturali. Sono venezuelani esasperati da un regime corrotto, che fomenta un odio sociale senza precedenti e che non rispetta i diritti umani.

Ringrazio Dio quando sento gli oppositori chiamare “fratelli” i Chavisti, quando vedo bambini porgere fiori ai poliziotti schierati contro di loro e i tanti messaggi di solidarietà della gente comune in tutto il mondo, mentre le organizzazione internazionali rimangono in un vergognoso silenzio.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s